l traguardo di un giovane 22enne di calatabiano che, ottenuta la patente, grazie alla tecnologia potrà condurre una vettura: «grazie ai miei genitori

  • Mercoledì 04 Gennaio 2012
  • Catania (Provincia),
  • pagina 33

Vincere la disabilità oggi è possibile, si può raggiungere la piena autonomia grazie alla moderna tecnologia che riesce ad abbattere ogni diversità. Questo è accaduto a un giovane diversamente abile di Calatabiano, Giuseppe Laviano di anni 22, studente di informatica presso l’Università di Catania. Dopo anni di tentativi e di speranze deluse è riuscito ad ottenere la patente e guidare un’auto appositamente adattata per lui con un sistema completamente digitale, di fabbricazione tedesca, chiamato «Space Drive». E’ la prima vettura realizzata interamente in Italia e la seconda ad essere omologata nel nostro paese. Giuseppe è venuto a conoscenza del nuovo sistema di guida attraverso Internet.
Un suo coetaneo, per altro siciliano, con una disabilità simile alla sua, dopo varie difficoltà burocratiche, superate grazie all’intervento del presidente del Senato, Renato Schifani, era riuscito ad ottenere la patente speciale. Anche lui, quindi, contatta la ditta tedesca che lo indirizza verso il primo installatore autorizzato in Italia e precisamente a Taranto, dove comincia a concretizzarsi l’inizio dell’autonomia recentemente raggiunta. «Appena letta la notizia – dice – ho capito che anch’io avrei potuto guidare».
L’ auto si guida attraverso sistemi interamente elettronici. Tutte le funzioni sono gestite da centraline che interagiscono tra di loro e permettono la guida con un Joystick a “quattro vie”.Alla macchina si accede tramite una pedana elettronica e la carrozzina si aggancia al posto guida. «Devo ringraziare innanzitutto i miei genitori – dice ancora Giuseppe – che mi hanno sostenuto e incoraggiato nel mio percorso per ottenere una maggiore autonomia. La dott.ssa Claudia Ongaro Paravan, il tecnico Luigi D’Angiulli, il dott. Marco Marinò e l’istruttore Nino Arria che con la loro competenza e professionalità hanno contribuito in maniera fondamentale alla realizzazione del mio ambizioso progetto».
«Questa prima realizzazione – aggiunge – potrebbe essere seguita da molte altre, per venire incontro alle esigenze dei disabili che, legittimamente, desiderano una più completa autonomia. Gli ostacoli da superare sono certamente tanti, molti non guidano perché credono di non poterlo fare, perché la normativa è complessa e poco nota, però oggi si possono trovare interlocutori affidabili e professionali a cui rivolgersi per ottenere informazioni puntuali e attendibili».
Salvatore Zappulla

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...